“Covidizzazione” e ricerca: quali sono i rischi? Il report di Nature Medicine

Ogni crisi rappresenta un forte richiamo a mobilitare l’intera comunità di ricerca per provare a dare una risposta. La pandemia di COVID-19 non fa eccezione. Ricercatori, università, finanziatori, filantropie, giornali e giornalisti hanno tutti “ruotato”, in massa, attorno al nuovo coronavirus. Tutti, insomma, si sono “Covidizzati” e questo dovrebbe preoccuparci. Ma quali sono i rischi? E’ questa la domanda che si è posta Madhukar Pai, ricercatore del Department of Epidemiology, Biostatistics and Occupational Health della McGill University di Montreal (Canada). La risposta che si è data (e la riflessione che ne è conseguita) è stata pubblicata sulle colonne dell’autorevole “Nature Medicine.

Clicca qui per leggere l’articolo di Nature Medicine in lingua originale.